Perché così tante persone preferiscono barare alla separazione?

Distacco coniugale, usura con la routine e sempre meno desiderio sessuale. In questo scenario, l’avvocato Giullia , 48 anni, ha cercato un modo alternativo per non chiedere il divorzio dopo quasi 10 anni di matrimonio. Ha fatto ricorso all’infedeltà.

Il caso è più comune di quanto si possa pensare. Secondo lo studio Predicting Conjugal Infidelity, pubblicato l’anno scorso con dati brasiliani, il 18,7% delle donne e il 35,3% degli uomini sono stati infedeli al loro attuale partner. Per entrambi i sessi, l’intenzione di divorziare ha dimostrato di aumentare le possibilità di una relazione extraconiugale. Donna ha parlato con gli esperti per capire perché molti ricorrono al tradimento invece di porre fine alla relazione.

L’infedeltà dice che il rapporto spesso non è giusto. Le persone dimostrano di essere insoddisfatte e nella maggior parte dei casi cercano il coinvolgimento all’esterno perché non si sentono bene nella relazione a livello sessuale o emotivo”, dice Patrícia , dottore in psicologia e terapista per famiglie e coppie.

Secondo Patrícia, mentre le donne tendono a tradire di più sulla questione del desiderio e del coinvolgimento emotivo, gli uomini cercano la libertà e l’attrazione sessuale verso un’altra persona. L’infedeltà, tuttavia, sottolinea lo psicologo, provoca crisi coniugali e comporta sofferenze per la rottura della fiducia e dell’intimità.

L’infedeltà può essere un tentativo di “aggiustare il rapporto” o di vedere se c’è davvero amore per l’altro. A volte è l’inizio del viaggio verso la separazione – completo.

È quello che è successo a Viviane che, pochi anni dopo il tradimento, ha scelto di porre fine al matrimonio. Secondo l’avvocato, la voglia di provare di nuovo le emozioni della conquista e la curiosità per il nuovo possono aver collaborato per il rapporto vissuto al di fuori del matrimonio.

– Non siamo sicuri da dove venga l’insoddisfazione e cosa possiamo fare per invertirla. Mentre, se il partner non è a questa stessa frequenza, sentendo i riflessi di un raffreddamento della relazione, solo una delle parti sente l’impulso di giocare in situazioni extraconiugali – opina.

Usura di relazione

Per la psicoanalista Gabriela, è più comune che l’infedeltà avvenga quando c’è un logorio nel rapporto o se qualcosa non va bene. Può essere causato dall’insoddisfazione sessuale di uno dei coniugi, dalla mancanza di ammirazione per l’altro o anche dalla ricerca di autostima, per esempio.

– Tuttavia, separarsi è molto più difficile, perché comporta una serie di fattori, come gli aggiustamenti nella vita finanziaria, l’educazione dei figli e il lutto che si prova alla fine di una relazione, che per alcuni può essere abbastanza doloroso e traumatico. È un distacco dagli ideali proiettati in quel matrimonio – spiega -.

Di fronte all’impossibilità o alla difficoltà di affrontare questi problemi, molte persone, ricorda Gabriela, preferiscono vivere una doppia vita o tradire in modo effimero.

Finché morte non vi separi?

Alcune persone continuano a mantenere il loro matrimonio per questioni sociali o per la convinzione che la relazione dovrebbe durare fino a quando “la morte non li separi”. Questo è quanto sottolinea la psicologa e terapista di coppia Ana Paula Oliveira Freitas.

– Sarà necessario comunicare con la famiglia, i bambini, gli amici. Ciò comporta anche un ridimensionamento di alcuni aspetti dell’identità – valuta.

Altre coppie, già separate all’interno dell’abitazione, mantengono relazioni considerate extraconiugali a causa della questione finanziaria. Inoltre, l’arrivo dei bambini può anche essere determinante nel ciclo di vita della famiglia, poiché coinvolge un’intera organizzazione per soddisfare le esigenze del bambino.

– Molti uomini si sentono trascurati. Infatti, per un certo momento, lo sono, perché è necessario prendersi cura del bambino. Se la coppia non ha avuto una relazione leale prima dell’arrivo dei figli, la tendenza è che questa distanza è ancora maggiore – valuta lo psicologo.

Limiti di ciò che è considerato accettabile e rispettoso

Naturalmente il matrimonio cambia nel tempo e la coppia deve evolvere secondo le esigenze di ogni fase. Ci sono però coloro che non riescono a tenere il passo e a gestire le frustrazioni insite nella relazione e, invece di dialogare, finiscono per barare.

– Alcune persone hanno paura di arrendersi, si sentono catturate dall’altro e hanno paura di rimanere permanentemente attaccate a questo rapporto. In questo modo, finiscono per cercare un terzo per non sentirsi minacciati – sottolinea la psicologa e terapista di coppia Claudia.

La paura di rimanere sola e di non avere un posto dove andare con i suoi figli ha pesato su Carolina*, 50 anni, nella sua decisione di rimanere sposata dopo il tradimento di entrambe le parti.

– Credo che la paura e l’insicurezza mantengano molte relazioni – riassume.

Tutti cercano il “partner perfetto”, da qualcuno con affinità a un buon partner sessuale. Ma trovare tutti questi attributi in una sola persona non è sempre facile. La psicoanalista Gabriela Seben ricorda che un buon rapporto consiste nel rispetto e nella considerazione. Cioè ogni coppia deve stabilire i limiti di ciò che considera accettabile e rispettoso.

– La frustrazione deve essere tollerata nella misura in cui è considerata tollerabile. Questo è un modo possibile per stabilire relazioni stabili in cui i coniugi possono svilupparsi personalmente e crescere insieme – consiglia.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.