La gente felice tradisce anche

Dimenticate la vecchia storia che solo gli infedeli sono sposati. Ci sono persone felici che tradiscono per sfuggire alla monotonia o a causa di una crisi di identità. A volte unisce anche le coppie. Nel suo libro, la terapeuta Esther Perel spiega tutto.

Ci tradivamo perché non ci siamo sposati per amore e un giorno… ci siamo innamorati. Ora ci sposiamo comunque per amore e tradiamo. Perché ci siamo innamorati? Perché siamo infelici? O semplicemente perché ci annoiamo? Nel suo ultimo libro, The State of Affairs: Rethinking Infidelity (Harper Collins, ottobre 2017), la psicologa e terapista Esther Perel (Anversa, 1958), un’americana con legge e discorso best-seller ai TED Talks, dice che è riduttivo pensare che solo l’infelice imbroglione.

L’esperto, che conduce un innovativo programma di consulenza audio per le coppie – Were Should We Begin -, propone diversi fattori per spiegare l’infedeltà e sostiene che quando una coppia vuole davvero stare insieme, una relazione extraconiugale può anche essere vantaggiosa. In un ampio articolo pubblicato dalla rivista Atlantic, Perel spiega che, così come il concetto di matrimonio è cambiato sostanzialmente negli ultimi decenni, il tema dell’infedeltà ha ora sfumature molto diverse.

Non si tratta più semplicemente di guardare al di fuori di ciò che la relazione non dà, ma di esigere che il matrimonio fornisca tutto: sicurezza, compagnia, fiducia e amore, ma anche passione, avventura e rischio. E, come osserva l’esperto, qui ci sono concetti impossibili da conciliare.

Maria João e Rui, entrambi di 54 anni, erano sposati da quasi 30 anni quando la loro figlia più giovane lasciò la casa per andare a vivere con il suo fidanzato. Il primogenito aveva già lasciato la casa di famiglia a Carcavelos per studiare negli Stati Uniti. Accogliente ed estroversa, Maria João, che è farmacista, dice che questo periodo di cambiamento ha coinciso con i primi sintomi della menopausa e si è affrettata ad attribuire a questa combinazione la sua mancanza di energia e anche un po’ di tristezza.

Su consiglio del marito, decide di tornare a una vecchia passione, la fotografia, e si iscrive a un corso. Lì incontrò Mário, “un insegnante di 50 e molti anni, risate facili, pieno di fascino e con un’enorme passione per il cinema”. Mario ha iniziato a dargli consigli sui film e un giorno gli ha chiesto di vederne uno in particolare: The Bridges of Madison County, con Meryl Streep e Clint Eastwood, dove un fotografo del National Geographic si innamora di una casalinga di mezza età? sposato. “Ho visto il film venerdì e non ho dormito tutto il fine settimana. Credo che solo allora mi sono reso conto che c’era qualcosa tra me e Mario. Mi sentivo così frastornato che mi sembrava di mancare di equilibrio”. Nella classe successiva, quando lui è entrato, lei è arrossita fino alla radice dei capelli. All’uscita, l’insegnante l’ha fermata. Si scambiarono poche parole, lui la tenne stretta al braccio e non la lasciò andare.

Quella sera, vicino alla sua macchina, si baciarono: “Improvvisamente aveva di nuovo 18 anni e la vita era meravigliosa. Sentivo cantare gli uccelli, la gente sorrideva, i miei occhi erano così luminosi, i miei amici mi chiedevano cosa prendevo”. La sensazione di euforia, che va e viene, è durata un mese. Poi Mario ha iniziato a chiamare di più, a premere per incontrarsi, a parlare in futuro. Maria João non voleva pensare a niente, ma solo a godersi quella seconda giovinezza che, al momento giusto, le era sfuggita tra le dita. “Ho avuto figli presto, mi sono goduta la vita matrimoniale molto poco, ma ho sempre amato mio marito, è la persona migliore che conosca”. Mentre l’amante la circondava, anche il senso di colpa tesseva la sua tela.

“Ho cominciato a sentire la paura di essere scoperto e di perdere Rui, la paura di quello che direbbero i miei figli e il resto della famiglia. E realizzare che non avrei mai amato un altro uomo tanto quanto amo mio marito”.

Dopo una crisi di pianto, con Rui che la pregava di dirgli cosa stava succedendo, Maria Giovanni ha confessato tutto. Spiegava che la relazione non era una questione di sesso, che non avevano nemmeno smesso di baciarsi e di accarezzarsi, e ammetteva di essere affascinata dal desiderio che ancora suscitava. Quella notte, Rui se ne andò di casa con una valigia e passò tre settimane a dormire a casa di suo fratello minore. Tuttavia, ha accettato di parlare e per sei mesi lui e Maria João sono stati in terapia di coppia. Sa che non sarà facile riconquistare la sua fiducia, ma dice che farà di tutto per salvare il matrimonio.

Prega la storia e i romanzi a corde che le donne sono abituate a essere tradite, a differenza degli uomini, che hanno una sorta di benedizione culturale per mantenere le loro avventure, ma poco stomaco per perdonare l’infedeltà. Alt! Niente di tutto questo, perché i tempi sono cambiati. “Ai vecchi tempi, le donne si sposavano e solo allora iniziavano la loro vita sessuale. Ora mettono fine a una serie di relazioni quando si sposano”, spiega Esther Perel, per la quale questo nomadismo sessuale femminile ha cambiato – e molto – le regole del gioco.

Marta, 35 anni, ha avuto diversi fidanzati fino al matrimonio con Eduardo, 33 anni, e ammette che una delle cose a cui ha dovuto rinunciare è stata la sua libertà. Ha fatto tutto il possibile per mantenere alcune routine di addio al nubilato e le cose sono andate bene per molti mesi. Finché non ha incontrato Pedro. “Ci sono cose inevitabili e dalla prima volta che l’ho visto sono stato attratto da lui. Posso dire che ho provato una specie di scossa elettrica quando sono stato presentato da un amico: “Questo è Pedro, il fidanzato di Cláudia”. Claudia stava venendo dopo, una donna che non era molto effusiva, ma interessante, bella, ma non uno che cadeva da parte. Ho notato che aveva un portafoglio uguale al mio, ma di un altro colore. Lei – e io – non sapevo che, da quel momento in poi, avremmo condiviso più del gusto per i portafogli. Siamo diventati amici e abbiamo iniziato a cenare spesso: lei, io, il suo ragazzo, mio marito, l’amico che ci ha presentato e un altro. All’inizio, mio marito pensava che Pedro fosse un po’ sdolcinato – va da sé che mi piaceva quella dolcezza, che non era affatto effeminata – e poi ha cominciato ad ammirarlo. Non ha mai sospettato nulla.

I mesi passavano e ogni volta che combinavamo i programmi insieme, mi sembrava di andare a un appuntamento speciale. Mi procurava di più, pensava alle frasi che gli dicevo, come se cercassi uno spazio tutto mio e suo. Poi tornavo a casa e lo sognavo quella notte”. Un giorno, in una chat su Facebook, con tutti che davano suggerimenti su cosa regalare a un’amica per il suo compleanno, finirono entrambi a parlare. E questo è diventato routine. “Abbiamo iniziato a flirtare con una certa cura, cercando di capire fin dove potevamo spingerci senza fare troppi danni, ma già consapevoli che c’era desiderio tra noi, ma anche ammirazione e complicità”. Per motivi professionali, Pedro è andato a lavorare all’esterno e ha trascorso mesi senza incrociarsi. Questo coincise con un periodo di crisi, quando Marta e suo marito decisero di andarsene per capire come si sentivano veramente.

“Confesso che è stata una mia idea quella di dare una pausa al nostro rapporto. Volevo recuperare la mia individualità, ero stanco di ‘Andiamo’ o ‘Che peccato, ma non possiamo andare. Inoltre, continuavo a fantasticare su Pedro e a chiedermi se avrei dovuto sposarmi davvero e se Eduardo fosse l’uomo giusto per me, ecc. ecc. In quel periodo, uscì più volte con gli amici e una sera, sul tardi, “inciampò” su Eduardo.

“Ci sono cose così strane… Anche se ho desiderato quell’uomo dal momento in cui l’ho visto, questa volta ero ben lontana dall’immaginare che avremmo finito la notte insieme, baciandoci in un belvedere di Lisbona e poi in una stanza. Ma non doveva far altro che tirarmi verso di te, in un angolo, sulla strada per un taxi, a cui ho subito risposto con un bacio che ‘durò ore'””. Marta ci dice che quello che è successo tra loro andava oltre le sue fantasie, ma in qualche modo l’ha anche fatta cadere nella realtà. “Avevo fatto l’amore con mio marito, pensando così spesso a Pietro e quando già mi aveva lasciato le braccia non era a lui che pensavo, anche se ancora oggi il ricordo del suo odore e del suo tocco mi eccita”.

Ben presto si rese conto che ciò che esisteva tra loro era forte, ma non aveva futuro. “Tanto che non mi ha sorpreso l’assenza di una tua telefonata, né mi è venuta voglia di chiamarti. A poco a poco ho capito che mi mancava mio marito, che mi mancavano le sue battute, e che la compagnia che avevo stabilito con lui non si sarebbe ripetuta con nessun altro”. Sono tornati a vivere insieme. Anche Pedro è tornato a Lisbona, ma con Cláudia. “Ci siamo incontrati tutti di nuovo e, francamente, sento ancora un brivido nello stomaco quando si avvicina a me. Non credo che questa sensazione non passerà mai. E, per sicurezza, prego che non saremo soli perché potrei cadere di nuovo in tentazione”. Eduardo non ha mai saputo nulla. “E se un giorno lo scopro, so che avremo dei problemi. Mi proteggo dall’idea che siamo stati temporaneamente separati e che questi sono solo affari miei. In fondo, forse avevo bisogno di passare attraverso questo per definire bene il mio amore per Eduardo e il valore del matrimonio”.

Esther Perel affronta l’idea del tradimento come strumento di conoscenza di sé. Crede che l’infedeltà sia spesso più una ricerca di se stessi e di sentimenti dimenticati da tempo che di un altro uomo o donna. “Il tradimento può essere una delusione per noi, per quello che siamo diventati dopo la relazione e per il poco che abbiamo a che fare con il partner. Chissà se non siamo alla ricerca di una nuova versione di noi stessi e non di un altro amore” Naturalmente ci sono momenti particolarmente pericolosi: “Ci sono periodi della vita che sono molto inclini a crisi di dubbio. E l’essere umano è un esperto nel cercare ciò che ha perso nel posto sbagliato o dove pensa sia più facile da trovare”. Forse è per questo che crede che il tradimento “riguardi più il sentirsi sexy che fare sesso”. Non resta che sperare che l’altro, quello legittimo, lo capisca e lo accetti. L’infedeltà può essere un travestimento per problemi passati e persino un sintomo di un vuoto che una volta riempito da qualcun altro (l’ormai assente marito o i figli che escono di casa). È certo che lo stato di passione (anche se è ipotetico) associato provoca un tale effetto sull’essere umano che molti psicologi paragonano i sintomi a quelli che causano un episodio traumatico: ossessione, ipervigilanza, assenza di fame, instabilità dell’umore, tra gli altri.

Citato dal Times, il giornalista Cosmo Landesman afferma che barare è “bungee jumping con i genitali” o “vincere la lotteria della lussuria” e parla del potere delle emozioni nell’attenuare il senso di colpa. Perché spesso c’è il senso di colpa. E un conto da pagare. Luís, 39 anni, musicista, tornato da Londra innamorato di Camila, sei anni più giovane, ballerina. Hanno concordato che lui avrebbe preso una casa e lei lo avrebbe raggiunto l’estate successiva a Lisbona. Così è stato.

Per tre mesi hanno fatto una vera luna di miele. “Sesso ogni giorno, chiacchiere fino all’alba e infinite passeggiate in città per mostrarle i miei posti preferiti”. Nel frattempo, è dovuta andare a Londra per occuparsi delle questioni familiari. Invece di 15 giorni, ci sono voluti due mesi. Lungo la strada, incontra Teresa, 28 anni, “un pezzo di strada sbagliata”, come la descrive, metà seriamente, metà scherzando. Teresa era bella e audace. Era libera. E c’era una notte da passare. Luis non era libero, ma si è lasciato andare: “È stata una delle cose più incredibili che mi siano capitate. Abbiamo fatto sesso in tutti i modi e forme. Abbiamo riso, abbiamo bevuto. Era come se ci conoscessimo da tutta la vita”. La mattina dopo, si è messa a fare il suo lavoro. Mise la biancheria nel bucato e cercò di cancellare l’episodio dalla sua mente. La scena si è ripetuta due giorni dopo. E poi una terza volta. Durante quella settimana, si è assicurato di ringiovanire di dieci anni. “Sembrava che avesse preso della droga. Ho sentito un’energia e un’eccitazione che mi ha fatto alzare dal letto alle 6 del mattino…

Non mi alzo fino a mezzogiorno”. Alla fine Camilla è tornata e non ci è voluto molto per scoprire cosa era successo in sua assenza. “Ha ricevuto alcuni messaggi da Teresa. Non so cosa mi abbia dato il coraggio di non cancellarli subito al telefono… Credo di essere stato troppo entusiasta di tutto questo per non conservare almeno un ricordo”. La discussione con la fidanzata è stata dura e si è conclusa con lei di valigie, sulla strada per Londra. Ha sofferto per mesi, le ha persino composto una canzone. Niente l’ha riportata indietro. È stata Teresa a presentarsi di nuovo. “Siamo stati lì per qualche mese a raccoglierla e a farla cadere, ma il sesso non era più così folle e la mia tristezza ha cominciato ad annoiarla, credo…

Non ci incontravamo da molto tempo e questo è quello che doveva essere, che non era quasi niente”. Questo caso è un altro classico sottolineato da Perel: allo stesso modo in cui il tradimento nasce all’ombra del matrimonio, quando è finito, il secondo raramente ha le gambe per continuare. Nonostante ammetta di pensare ogni giorno a Camila, Luís dice di non essere dispiaciuto per quello che è successo: “Mi piacerà sempre, ma devo conviverci. Perché l’ho tradita? Era una questione di grande eccitazione, di non ricorrere ad un altro nome. E per quanto riguarda questo, non c’è niente da fare. Non avevo scelta”.

“L’idea di essere pienamente felici è una trappola”

Catarina Mexia, specialista in terapia di coppia, crede che un tradimento possa essere l’occasione per cambiare in meglio un matrimonio. E dice che l’ossessione del tradimento di conoscere tutti i dettagli è la stessa per entrambi i sessi.

Esther Perel ha lanciato un nuovo libro in cui difende che le persone tradiscono, anche se sono felici nel matrimonio. Siete d’accordo?

Assolutamente sì. Il tradimento non implica necessariamente un matrimonio disfunzionale. Sembra che siamo sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, migliore e più emozionante, e alla fine non ci godiamo quello che abbiamo. L’idea che bisogna essere pienamente felici ad ogni costo e che tutto il tempo finisce per essere una trappola. 40 anni fa, il pensiero di molte donne che potevano essere le nostre madri era: “Sono infelice, ma resterò in questo matrimonio per sempre”. Oggi ci siamo innamorati del contrario. Come se non ci fosse la possibilità di una soluzione intermedia: “Lavorerò su questa relazione perché credo che migliorerà e mi renderà felice”.

Se un tempo i matrimoni erano una sorta di contratto sociale, per alcuni decenni si sono basati sull’idea dell’amore romantico. Questo significa che quando le relazioni falliscono è anche l’amore romantico che fallisce?

In qualche modo, sì. Perché l’idea di base dell’amore romantico, che è che viviamo l’uno per l’altro e per sempre, va in onda. Quando questo accade, la persona smette di essere il Principe Azzurro…

Non molto tempo fa, la gente si è sposata e poi ha fatto sesso. Oggi si sposano e concludono una serie di relazioni o, come dice Perel, mettono fine al loro “nomadismo sessuale”. In questo senso, la fedeltà è un peso, in quanto comporta l’estinzione di una libertà che, almeno per le donne, è recente?

Non credo che il problema abbia a che fare con la monogamia delle donne. Penso che abbia più a che fare con la qualità del rapporto che speriamo di avere oggi.

In questa nuova dinamica sociale, gli uomini soffrono di più il tradimento perché è un ruolo per il quale non erano culturalmente preparati?

L’infedeltà è sempre molto complicata per entrambi. Culturalmente, gli uomini possono subire altre pressioni… Ho coppie di tutte le età e quello che posso dire è che nei più anziani (50 e 60 anni) la questione dell’immagine sociale è molto importante, mentre per i più giovani la rottura dell’impegno e del progetto a due sembra pesare di più.

Secondo la sua esperienza, direbbe che il tradimento pone fine alla maggior parte dei matrimoni? E se non lo fa, perdonano più facilmente di quanto non facciano o è un mito?

Tendenzialmente, sarà più facile per le donne [perdonare] a causa della questione culturale.

Crede che, in molti casi, l’infedeltà sia più una ricerca di se stessi o una crisi personale, diciamo, che un’attrazione per un altro?

Indubbiamente, ha spesso a che fare con una crisi individuale, con momenti di cambiamento, con periodi in cui tutti facciamo un bilancio. Non è un caso che si parli della crisi degli anni ’40, delle donne, o degli anni ’50, per gli uomini. In questi momenti diventiamo più suscettibili, iniziamo a pensare a ciò che abbiamo e con chi siamo e cosa ci aspettiamo dal futuro?

Ci sono anche alcuni eventi della vita, come la malattia dei membri della famiglia, la perdita di amici o la morte di un figlio, che contribuiscono a questa maggiore vulnerabilità. Avete notato che molte coppie che perdono un figlio finiscono per trasferirsi invece di avvicinarsi? Ci sono casi in cui improvvisamente non ci si conosce più. Sto lavorando con una coppia che ora sta bene, ma che ha avuto una crisi quando si è innamorato di una ragazza in vacanza all’estero.

Stiamo parlando di un uomo di 46 anni, che è finanziariamente benestante e che si è improvvisamente innamorato di una persona che ha visto una volta. È stato tale che si è messo in contatto con lei e quando è tornato in Portogallo hanno iniziato a parlare per WhatsApp e lui è andato da lei in Francia! Naturalmente questo non ha dato nulla e oggi si guarda indietro e dice che non capisce cosa gli ha dato e che non si darà pace finché non capirà come ha lasciato che una cosa del genere accadesse.

Una relazione extraconiugale può essere una nuova opportunità per un matrimonio?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.